EVENTI

Communities for Future: Venerdì 26 novembre 2021 Conferenza stampa alla Camera

Si intitola Communities for Future l’incontro tenutosi venerdì 26 novembre presso la Sala Conferenze del Senato presso Palazzo della Minerva, in occasione della presentazione della proposta di legge “Riconoscimento e disciplina delle comunità intenzionali”, grazie alla presenza di rappresentanti di rete europea SALUS, Rete Italiana Villaggi Ecologici, CONACREIS, Rete Italiana Cohousing Rete Italiana Economia Solidale (RIES). Presente alla conferenza stampa l’on Alberto Zolezzi primo firmatario della proposta di legge.

La proposta è stata depositata in commissione Affari Costituzionali alla Camera per dare rappresentanza alle tante persone che in Italia già vivono e abitano in maniera collaborativa e a tutti coloro che, in futuro, vorranno farlo in modo semplice.

Oggi, le comunità intenzionali si manifestano attraverso formule e definizioni differenziate, come ad esempio gli ecovillaggi (prevalentemente in aree rurali o montane e il cui progetto prevede la conversione ecologica in tutti gli aspetti della vita, riferibili alla dimensione economica, ambientale, sociale e culturale) oppure le esperienze di abitare condiviso nelle città, come i “cohousing” e i “condomini solidali”, che prevedono accordi reciproci tra le famiglie nonché forme organizzate di mutuo aiuto e di gestione economica condivisa, fino ad arrivare alla condivisione di tempi e di regole di vita comuni.

Per sostenere la proposta di legge da loro elaborata, rete europea SALUS, Rete Italiana Villaggi Ecologici, CONACREIS, Rete Italiana Cohousing hanno avviato anche una raccolta firme e con l’adesione della Rete Italiana Economia Solidale (RIES), stanno organizzando alcuni eventi per diffonderne la conoscenza e sensibilizzare politici e cittadini sul tema.

Il primo evento, collegato alla settimana europea delle comunità sostenibili promossa da ECOLISE, è stato realizzato il 26 settembre 2021 presso l’ecovillaggio LUMEN e trasmesso in streaming online. Tra i temi approfonditi durante l’incontro, vi è stato il riconoscimento giuridico, le relazioni mutualistiche ed economiche, la partecipazione al bene comune, il ruolo delle piattaforme tecnologiche a supporto e di forme di monete comunitarie. Per approfondimenti si può visionare la registrazione della sessione mattutina e pomeridiana.

Per info – Rete Europea SALUS

Federico Palla

+39 3492201254

[email protected] 

PROGRAMMA

Moderatore: Alfredo Camozzi – Rete Italiana Villaggi Ecologici (RIVE) e La Comune di Bagnaia

10:00 – 10:15 Introduzione – on. Alberto Zolezzi (M5S)

10:15 – 10:30 Le comunità intenzionali come promotori di salute globale per un’Europa più longeva. Milena Simeoni – ideatrice Rete Europea SALUS e fondatrice Comunità intenzionale LUMEN

10:30 – 10:45 Le comunità intenzionali come acceleratori del cambiamento, verso una società più solidale e un’economia circolare. Jason Nardi – Rete Italiana Economia Solidale (RIES)

10:45 – 11:00 Comunità intenzionali tra autosufficienza e interdipendenza: alimentare, energetica,  finanziaria. Roberto Sparagio (Coboldo Melo) – Federazione Damanhur e CONACREIS 

Il Futuro È Delle Comunità Intenzionali E Sostenibili

Il futuro è delle comunità intenzionali e sostenibili

Nell’ambito della settimana europea per le politiche sulle comunità sostenibili promossa dalla rete ECOLISE e dalla piattaforma Communities for Future, questo incontro è stata l’occasione per presentare la proposta di legge “Riconoscimento e disciplina delle comunità intenzionali” e di esplorarne vari aspetti, grazie alla presenza di rappresentanti di varie organizzazioni e reti italiane.

Per sostenere la proposta di legge, la rete SALUS ha avviato una petizione congiuntamente con Rete Italiana Villaggi Ecologici, CONACREIS, Rete Italiana Cohousing e con l’adesione della Rete Italiana Economia Solidale (RIES), realtà associative del panorama nazionale che raccolgono reti comunitarie in Italia.

La legge è stata depositata in commissione Affari Costituzionali alla Camera per dare rappresentanza alle tante persone che in Italia già vivono e abitano in maniera collaborativa e a tutti coloro che, in futuro, vorranno farlo in modo semplice.

Oggi, le comunità intenzionali si manifestano attraverso formule e definizioni differenziate, come ad esempio gli ecovillaggi (prevalentemente in aree rurali o montane e il cui progetto prevede la conversione ecologica in tutti gli aspetti della vita, riferibili alla dimensione economica, ambientale, sociale e culturale) oppure le esperienze di abitare condiviso nelle città, come i “cohousing” e i “condomini solidali”, che prevedono accordi reciproci tra le famiglie nonché forme organizzate di mutuo aiuto e di gestione economica condivisa, fino ad arrivare alla condivisione di tempi e di regole di vita comuni.

Tra i temi che abbiamo approfondito durante l’incontro, vi è il riconoscimento giuridico, le relazioni mutualistiche ed economiche, la partecipazione al bene comune, il ruolo delle piattaforme tecnologiche a supporto e di forme di monete comunitarie, comunità energetiche e la transizione dal basso.

Per approfondimenti si può visionare la registrazione della sessione mattutina e pomeridiana.

PROGRAMMA

Lingua: italiano

Mattina – Comunità Intenzionali e transizione economica e sociale dal basso  

  • 9:00 – 9:10 Introduzione – Federico Palla – Rete Europea SALUS
  • 9:10 – 9:40 “SALUS, una rete europea nata da una comunità intenzionale che promuove salute e sostenibilità” – Milena Simeoni – ideatrice Rete Europea SALUS e fondatrice Comunità intenzionale LUMEN
  • 9:40 – 9:55 “Comunità intenzionali e sostenibili nella prospettiva degli attuali piani europei per lo sviluppo sostenibile” – Eleonora Evi – Eurodeputato – Verdi Europei (video-messaggio)

Divisione in sottogruppi (stanze zoom)

  • 10:00 – 11:00 Lavoro all’interno dei 5 workshop

Rientro in plenaria 

  • 11:10 – 12:30 Restituzione in plenaria dei 5 workshop 
  • 12:30 – 12:45 Intervento rappresentante CRESER
  • 12:45 – 13:00 Chiusura – Jason Nardi – RIES

Workshop

  • Workshop 1 – Social & Solidarity Economy Comunità intenzionali e sostenibili come agenti di economia solidale” Jason Nardi – RIES
  • Workshop 2 – Decolonization and participatory democracy – Riabitare i beni comuni come partecipazione comunitaria delle persone” Roberto Cirillo – Rete Nazionale Beni Comuni Emergenti
  • Workshop 3 – Role of Information Technology and Online Platforms SALUS APP – La tecnologia al servizio della transizione dal basso, verso un’Europa più longeva e sostenibile” Federico Palla – Rete SALUS
  • Workshop 4 – Fiscal Policy (Transition Income and Regional Complementary Currencies) Comunità intenzionali e territorio: quale ruolo per le monete complementari?” Lemming Cactus (Alberto Filetti) – Comunità di Damanhur
  • Workshop 5 – Legislation to accelerate the transition to a sustainable society Le comunità intenzionali dei senior come prospettiva di nuovo welfare comunitario” Cinzia Boniatti – Rete Italiana Co-housing

Pomeriggio – Comunità intenzionali e transizione energetica dal basso

  • 15:00 – 15.10 Introduzione – Federico Palla – Rete Europea SALUS
  • 15:10 – 15:25 “La proposta di legge sulle comunità intenzionali e le possibili sinergie con la normativa sulle comunità energetiche” – Alberto Zolezzi – Senatore – M5S
  • 15:30 – 16:00 “Le comunità energetiche come motore di transizione energetica dal basso: a che punto siamo in Europa?” Osman Arrobbio e Alessandro Sciullo – Sociologi dell’ambiente e dell’energia
  • 16:00 – 16:30 “L’esperienza di replicare il modello di ecovillaggio LUMEN dalla Pianura Padana al Mugello, in una prospettiva off-grid” – Milena Simeoni e Federico Palla – LUMEN RECREA
  • 16:30 – 16:45 – “Maggiore cooperazione tra aree rurali e urbane e democrazia partecipativa per aumentare la sostenibilità” Piroska Kállay, Membro della European Economic and Social Committee (EESC)
  • 16:45 – 17:15 Q&A
  • 17:15 – 17:30 Chiusura – Jason Nardi – RIES
Salute della pelle

La salute della pelle: stile di vita per la salute della pelle, le cui patologie minano la qualità della vita.

La pelle è fondamentale per la nostra salute, essa svolge numerosi compiti tra cui agire come prima barriera difensiva del corpo da batteri e virus. E’ il nostro organo più esteso e visibile e le sue condizioni possono avere un impatto significativo, oltre che sulla nostra salute, sulla qualità della socializzazione e sull’autostima.

Talvolta sottovalutate, le malattie della pelle sono più comuni di quanto si creda, occupando il quarto posto nella classifica delle patologie più diffuse: le stime informano che ogni individuo soffre almeno una volta nella vita di una problematica cutanea, probabilità che aumenta con l’avanzare dell’età. 

L’InfoSALUS tenutosi mercoledì 30 giugno ha trattato il tema della salute della pelle e delle strategie più efficaci e salutari per mantenere o ritrovare il suo equilibrio. InfoSALUS promuove salute e sostenibilità ambientale all’interno del progetto europeo SALUS ideato per promuovere un cambio di paradigma all’interno delle politiche per l’educazione e la promozione della salute individuale, sociale e ambientale. 

I convegni InfoSALUS hanno solide basi filosofiche e scientifiche: tratteranno il tema proposto, coniugando aspetti differenti ma complementari, la naturopata Milena Simeoni, ideatrice del progetto SALUS e direttrice didattica della Scuola di Naturopatia LUMEN e la dott.ssa Stefania Cogliandro medico chirurgo e naturopata.

Le soluzioni ci sono e sono attuabili da subito: le relatrici dell’InfoSALUS hanno esaminato nel dettaglio la tematica della salute della pelle e delle sue patologie, analizzandone le cause e fornendo strategie utili per il suo benessere.

La pelle è un organo dinamico che risente notevolmente dello stile di vita. Tra le abitudini nocive annoveriamo l’utilizzo di prodotti dannosi, come ad esempio i parabeni, composti che si infiltrano nella cute e riconosciuti cancerogeni da studi scientifici (Cutaneous Engineering and Biology Laboratory EA 3183, IFR 133, University of Franche-Comté, Besancon, France) dopo decenni di impiego massiccio; ma quanto sappiamo delle numerose sostanze con cui veniamo in contatto ogni giorno non ancora studiate?

La ricerca sta dimostrando stretti legami tra la microflora intestinale e molti fattori coinvolti nella patogenesi della dermatite atopica, che come qualsiasi altra malattia della pelle, può essere vista come una possibile manifestazione di un problema sistemico che coinvolge disbiosi intestinale e aumento della permeabilità intestinale (Vet Med Sci. 2016 Feb 23;2(2):95-105. doi: 10.1002/vms3.24. eCollection 2016 May). Anche stress, vita sedentaria, scarsità di sonno e fumo possono peggiorare la condizione della pelle.

Guarda lo streaming della diretta InfoSALUS. 

Gli incontri InfoSALUS sono organizzati da LUMEN APS, in qualità di ente capofila della Rete Europea SALUS in collaborazione con l’Ufficio di Rappresentanza del Parlamento Europeo di Milano. La Rete, attualmente formata da 42 organizzazioni provenienti da 11 paesi europei, ha visto nel dicembre 2019 a Strasburgo la creazione di un Interest Group formato da sette eurodeputati di diverse nazioni e gruppi politici:

  • Eleonora Evi (Greens/EFA) in qualità di presidente, Patrizia Toia (S&D), Rosa D’Amato (Greens/EFA), Mara Bizzotto (ID), Carlo Fidanza (ECR), Sirpa Pietikainen (EPP) e Tilly Metz (Greens).

 

Cosa può fare ciascuno per essere pronto alla seconda ondata COVID-19?

La diretta streaming su “Che cosa può fare ciascuno per essere pronto a possibili ritorni della COVID- 19?” si è svolta venerdì 11 settembre ed è tuttora disponibile sulla pagina youtube LUMEN.

Ad aprire i lavori, un video messaggio dell’on. Eleonora Evi, l’eurodeputata che per prima ha sostenuto la proposta SALUS nel Parlamento Europeo e che riveste il ruolo di presidente dell’Interest Group SALUS nato a dicembre 2019 a Strasburgo e composto attualmente da sette eurodeputati di differenti gruppi politici e nazioni. Al centro del suo intervento il ruolo dell’Unione Europea nel coordinamento e nell’armonizzazione delle leggi nazionali in ambito di politica sanitaria e il programma europeo “EU4Health” che mette a disposizione 9,4 miliardi di euro. “Questo programma prevede anche due aree che interessano l’Interest Group SALUS: la promozione della salute per la popolazione anziana e l’uso prudente di antibiotici” ha detto. “La filosofia SALUS mette al centro l’idea che un intervento emergenziale debba sempre accompagnarsi a un intervento di promozione della salute e di prevenzione e che questi due mondi siano collaboranti e interdipendenti”. “Un sentito grazie a LUMEN” ha concluso “e alla rete europea SALUS che attraverso queste conferenze gratuite sostengono questa idea con concretezza e solide basi scientifiche e filosofiche”.

Siamo parte di una scienza straordinaria” ha esordito Milena Simeoni, ideatrice di SALUS e direttrice didattica della Scuola di Naturopatia LUMEN, citando Khun (fisico, storico e filosofo statunitense del ‘900). “Stiamo mettendo in discussione il paradigma dominante: con SALUS vogliamo preparare il futuro per l’avvento di una nuova stagione di collaborazione e unione tra scienza e filosofia, dove vengano messi al centro nei fatti e non a parole la salute dell’essere umano e la sostenibilità ambientale”.

“Ogni nuovo paradigma” ha proseguito Simeoni “si afferma se riesce a spiegare meglio la realtà, trovando soluzioni più semplici e migliori ai problemi. Il principio di Vis Medicatrix Naturae, che riprendiamo dall’antica tradizione Ippocratica, prevede di sostenere la forza vitale e ridurre o eliminare le abitudini che la possono compromettere. La semplicità sta anche nel fatto che cambiare gli stili di vita, migliora non solo la nostra salute, ma insieme anche la salute ambientale e il benessere degli animali che lo abitano. Per tale ragione, non basta concentrarsi su politiche e interventi specifici e specialistici, serve proporre politiche che promuovano sani stili di vita: è più efficace, più lungimirante e costa meno per la collettività.”

La naturopata Simeoni ha poi condiviso un punto di vista inedito sulla COVID-19 e sui virus in genere, suggerendo una visione d’insieme in cui l’essere umano convive con questi microorganismi in un equilibrio vantaggioso per tutti. “In pochi sanno che i virus hanno determinato, nei millenni, gran parte del nostro patrimonio genetico e si sono evoluti insieme a noi. La selezione naturale prevede infatti che i virus e i batteri che riescono a tramandare la propria stirpe siano quelli che non uccidono il proprio ospite, ma che generano un rapporto simbiotico con esso. Questo rapporto simbiotico dipende anche da noi, da quale terreno coltiviamo per la nostra salute, avendo cura di evitare di deprimere le nostre difese immunitarie con stili di vita poco salutari che ci portano più facilmente a soccombere di fronte ad un’infezione virale o batterica”.

Il secondo intervento è stato condotto dal dott. Alberto Donzelli, medico esperto di sanità pubblica e membro del comitato scientifico della Fondazione Allineare Sanità e Salute. “La comunicazione istituzionale si è concentrata sulla riduzione dell’esposizione al virus” ha detto Donzelli. “Alcune misure proposte sono efficaci, come il distanziamento fisico, altre, come il lavaggio frequente delle mani, sono efficaci ma proposte in modo irrealistico, con un numero di lavaggi che è difficile sostenere. Inoltre non mirano il lavaggio alle dita (la parte che può toccare le mucose di occhi, naso e bocca), non chiedono dispositivi di chiusura con leve (lunghe o corte) da chiudere dopo il lavaggio senza riprendersi i germi depositati sulle manopole.” 

Il dott. Donzelli ha poi affrontato un tema assai discusso, quello delle mascherine. “Le mascherine sono un compromesso da usare dove è necessario: al chiuso con più persone e poco ricambio d’aria, all’aperto solo se non si può mantenere la distanza per tempi consistenti; e cercando di non tenerle a lungo. Oltre agli 11 svantaggi indicati dall’OMS, va infatti ridotta la continua ri-inalazione dei germi espulsi nelle espirazioni, con rischio di aggravare condizioni presenti, e di spingere i germi in profondità nei polmoni. In base al principio di precauzione, per chi è tenuto a usare mascherine al lavoro andrebbero previste frequenti pause con respirazione libera all’aria aperta. Le finestre andrebbero aperte spesso e a lungo, per ridurre la concentrazione dei virus in ambienti chiusi.”

E non è mancato un accenno al tema dell’inquinamento, in rapporto alla diffusione della COVID-19. “Interventi specifici merita la Pianura Padana, dove si superano di molto i limiti medi di PM2,5 europei e dell’OMS. L’inquinamento atmosferico, che causa comunque danni documentati al sistema respiratorio e cardiovascolare, favorisce anche molte infezioni ed è risultato associato con un impressionante aumento di gravità della COVID-19, di cui può spiegare parte delle variazioni geografiche”.

Scienza moderna e medicina tradizionale sono formalmente concordi sull’importanza degli stili di vita. “Il potenziamento delle difese immunitarie per tutti, compresi anziani e fragili già affetti da malattie croniche” ha proseguito il dott. Donzelli “passa anzitutto dagli stili di vita: alimentazione sana, moderata attività fisica. Non occorrono comportamenti estremamente virtuosi: ad esempio, basta anche assumere 20-25 g al giorno di frutta secca oleosa o 90 g (o più) di cereali integrali per ridurre del 25-30% il rischio di morte, sia generale che da infezioni: nessun farmaco può fare lo stesso per un’intera popolazione!”.

Il convegno ha offerto decine di spunti pratici su comportamenti quotidiani, facili da adottare anche subito nella propria vita, compresa la possibilità di ridurre i rischi di più gravi infezioni evitando o riducendo alcuni farmaci, di intesa con il curante.

Il convegno è stato il primo appuntamento del secondo ciclo di InfoSALUS: incontri informativi su salute, sostenibilità ambientale e sani stili di vita iniziati a marzo 2020 e organizzati da LUMEN aps in qualità di ente capofila della Rete Europea SALUS, in collaborazione con l’Ufficio di Rappresentanza del Parlamento Europeo di Milano. La Rete attualmente è formata da 44 organizzazioni europee provenienti da 11 paesi. Lo scopo del progetto Salus è costruire un ponte fra le persone e le migliori conoscenze per favorire una longevità sana. Per maggiori informazioni si può consultare il sito www.salusnetwork.eu
L’appuntamento per il prossimo convegno è venerdì 16 ottobre 2020 “Problemi cardiovascolari e farmaci “contro” il colesterolo” alle 16.30 presso il Palazzo delle Stelline di Milano.

Diabete: un’emergenza socio sanitaria prevenibile

“Nelle linee guida europee, lo spazio dedicato agli stili di vita è assente o, dove presente, marginale” ha detto l’on. Eleonora Evi, l’eurodeputata del M5S e presidente dell’Interest group SALUS nato a dicembre 2019 a Strasburgo nel video introduttivo al convegno di venerdì 3 luglio.

La scienza oggi sta confermando molte pratiche diffuse dalle Antiche Medicine Tradizionali e dalle Medicine Naturali” ha detto la naturopata Milena Simeoni, ideatrice del progetto SALUS e direttrice didattica della Scuola di Naturopatia LUMEN. “Secondo la ricerca EPIC in 8 paesi europei, per ogni lattina al giorno di bevanda gassata zuccherata, il diabete aumenta del 22%”. “Oltre a molte gravi complicanze, il diabete raddoppia il rischio di morire di Covid-19” ha detto il dr. Alberto Donzelli – esperto di sanità pubblica, direttore editoriale delle Pillole di educazione sanitaria. Un programma innovativo della Regione Lombardia, gratuito e anche a distanza, basato su educazione a un modello alimentare di efficacia provata e supporto/supervisione settimanale, ha l’obiettivo di portare alla remissione del diabete. Per informazioni contattare [email protected], l’accettazione è successiva a una valutazione del Team Diabete e d’intesa con il curante. Terzo e ultimo intervento quello del dr. Giuseppe Miserotti, medico e membro della Giunta esecutiva ISDE Italia (medici per l’ambiente), che si è concentrato sulla correlazione tra diabete e inquinanti ambientali. “Su scala globale, si stima che l’inquinamento contribuisca a circa il 14% dei casi di diabete (circa 3,2 milioni di persone con diabete al mondo)”.

Gli incontri Info SALUS su salute, sostenibilità ambientale e sani stili di vita organizzati da LUMEN, associazione di promozione sociale di San Pietro in Cerro (PC) in qualità di ente capofila della Rete Europea SALUS, in collaborazione con l’Ufficio di Rappresentanza del Parlamento Europeo di Milano, riprendono venerdì 11 settembre 2020 con “cosa si può fare in vista di un possibile ritorno del COVID-19”. La Rete è attualmente formata da 43 organizzazioni europee provenienti da 10 paesi. Il sito di riferimento è www.salusnetwork.eu

Mal di testa: oltre la cura

Venerdì 12 giugno si è svolto in streaming il convegno: “Mal di testa: oltre la cura cosa puoi fare?”, tuttora disponibile in internet.

L’apertura dei lavori è stata introdotta da un video messaggio dell’on. Eleonora Evi, l’eurodeputata del M5S che per prima ha sostenuto la proposta SALUS nel Parlamento Europeo e che riveste il ruolo di presidente dell’Interest group SALUS nato a dicembre 2019 a Strasburgo cui hanno aderito ad oggi altri sei eurodeputati di diverse nazioni e gruppi politici: Patrizia Toia (PD), Rosa D’Amato (M5S), Mara Bizzotto (Lega), Carlo Fidanza (FdI), Sirpa Pietikainen (EPP) e Tilly Metz (Greens). 

L’on. Evi, membro della Commissione Ambiente, della Commissione per le Petizioni e sostituta nella Commissione Industria, Energia e Ricerca al Parlamento Europeo ha detto: “L’obiettivo dell’interest group è cambiare il paradigma della salute, spostarsi verso un approccio che metta al centro la salute e la promozione della salute anziché la cura e la malattia. L’interest group” ha proseguito “sostiene fortemente l’operato di diffusione e informazione di InfoSALUS: momenti molto importanti per dare voce a questo cambiamento. Per quanto riguarda il tema di oggi, il mal di testa che affligge oltre 32 milioni di persone, è importante focalizzarsi sulla possibilità di affrontarlo con strade nuove, alternative, diverse e focalizzate su stili di vita sani”. “Un approccio diverso, alternativo, che metta al centro la salute dell’individuo e dell’ambiente circostante, due facce della stessa medaglia. Lavorare in maniera olistica e sinergica è fondamentale per risolvere i problemi. I contributi di InfoSALUS danno informazioni interessanti e importanti per affrontare e risolvere il problema del mal di testa”. 

Un saluto e un ringraziamento, inoltre, è giunto dall’on. Carlo Fidanza: “Tema importante quello del mal di testa che ha un impatto su milioni di persone in Europa. La sua incidenza è significativa anche sul piano economico in termini di danni alla vita familiare e sociale e rappresenta un onere sociale e finanziario se si pensa al danno in termini di riduzione della produttività e di giornate lavorative perse che si calcola in circa 27 miliardi di euro a livello europeo annuo” ha detto. “È importante soffermarsi su questa tematica e provare a immaginare oltre alla risposta farmacologica, anche una risposta basata su più corretti stili di vita in termini di alimentazione, di attività fisica, di meditazione e di gestione delle emozioni per ridurre l’impatto di questa problematica”. “Nel nostro lavoro all’interno delle istituzioni europee una maggiore sensibilità è necessaria ed è quindi molto apprezzabile il lavoro svolto da InfoSALUS per tenere desta l’attenzione e arrivare a delle linee guida, a delle strategie a livello europeo che possano diminuire l’impatto di questa patologia”. 

Relatori della conferenza in streaming: la dr.ssa Eugenia Rota, direttore della Struttura Complessa di Neurologia Novi Ligure/Tortona dell’ASL di Alessandria, il dr. Lorenzo Del Moro, dottore in Medicina e Chirurgia, Coordinatore del Comitato Filosofico-Scientifico SALUS e membro del Comitato Scientifico della Fondazione Allineare Sanità e Salute e Milena Simeoni – naturopata, ideatrice del progetto SALUS e direttrice didattica della Scuola di Naturopatia LUMEN.

“Cefalea significa mal di testa. La maggior parte delle cefalee sono primarie cioè non sono espressione di nessun altra malattia in atto. D’altra parte ci sono cefalee che sono sintomi di altre patologie” ha esordito la dr.ssa Rota. “Ci troviamo di fronte a un mare magnum perché c’è una notevole eterogeneità clinica. La cefalea viene considerata la seconda patologia disabilitante al mondo e la più costosa calcolando sia i costi diretti sia quelli indiretti” ha proseguito. “Alcuni studi pongono l’attenzione sulla correlazione fra disturbi d’ansia e dell’umore e cefalea, infatti la loro rilevanza supera il 75% nei pazienti emicranici; disturbi che ne sono la causa e, al contempo, anche la conseguenza. Oltre l’intervento farmacologico ed un’eventuale profilassi, si può intervenire anche con terapie alternative come le tecniche di rilassamento, la dieta, l’attività fisica, l’agopuntura” ha concluso “che possono sostenere il miglioramento e ridurre l’uso di alcuni farmaci, che, in alcuni casi, hanno effetti collaterali pesanti”.

“Quali sono le più recenti scoperte sull’origine dell’emicrania?” ha esordito il dr. Del Moro. “Conoscere i meccanismi da cui origina l’emicrania permette di sviluppare strategie per la sua prevenzione e cura. Per esempio è fondamentale evitare cibi che aumentino rapidamente la glicemia nel sangue, fra questi le farine 0 e 00, tutti i prodotti contenenti zuccheri semplici e tutti i prodotti contenenti dolcificanti. È importante inoltre avere un’alimentazione ricca di antiossidanti, quindi ricca di verdure”. “È fondamentale uno stile di vita anti infiammatorio che si ottiene evitando cibi pro infiammatori (carni, cibi ad alto indice glicemico e grassi trans), mantenendo un peso corporeo sano, facendo esercizio fisico e meditando”. 

Il dr. Del Moro, per finire, ha mostrato come le aree del cervello che diminuiscono di volume in chi soffre di emicrania, coincidono con molte delle aree che aumentano di volume nei meditatori. Alcune di queste aree sono deputate alla gestione delle emozioni e questo porta a pensare che  un loro maggior sviluppo porterebbe a vivere emozioni positive che sono associate a una riduzione generale del dolore.

Milena Simeoni ha illustrato il punto di vista naturopatico. “Innanzitutto è utile prendere in considerazione le attività di empowerment: la capacità di gestire il dolore e vederlo come un prezioso alleato per comprendere i segnali che manda il corpo, per avere suggerimenti sull‘origine del mal di testa”. 

“Altro prezioso alleato” ha proseguito la naturopata Simeoni “è lo stile di vita. L’attacco di mal di testa ha spesso dei fattori scatenanti esterni, che possono essere cibi, luce, rumori, odori. Nelle linee guida dell’Istituto Superiore di Sanità si stimola il paziente ad eliminare tali stimoli. Sarebbe utile domandarsi se è più importante la goccia che fa traboccare il vaso o il vaso pieno, rappresentato dalle abitudini di vita malsane. Come possiamo svuotare il vaso? Cambiare alimentazione, fare attività fisica, avere sane relazioni, meditare: queste pratiche sono molto utili e permettono di prendersi cura quotidianamente della salute globale della persona”. Gli studi scientifici presentati, testimoniano che le antiche conoscenze della medicina tradizionale sono sempre più supportate anche dalle prove scientifiche più recenti.

“Sono felice” ha concluso Milena Simeoni “di annunciare l’avvio di un progetto di ricerca sugli effetti degli stili di vita nel trattamento della cefalea, in collaborazione con la dott.ssa Rota”.

Come in ogni evento SALUS, sia all’interno dell’Europarlamento che in altri ambiti, Milena Simeoni termina il suo intervento con il motto di SALUS “Compone et Collabora” auspicando che questo possa sostituire il “Divide et Impera” particolarmente evidente in questo periodo di COVID-19. Queste le sue parole: “anziché litigare e cercare di imporre la propria ragione, scegliamo di porre al centro la vita e la salute, uniamo le forze e facciamo convergere le diverse competenze per il bene comune… questo è il grande cambio di paradigma proposto da SALUS”.

Il convegno è stato il quarto appuntamento di InfoSALUS: incontri informativi su salute, sostenibilità ambientale e sani stili di vita organizzato da LUMEN, associazione di promozione sociale di San Pietro in Cerro (PC) in qualità di ente capofila della Rete Europea SALUS, in collaborazione con l’Ufficio di Rappresentanza del Parlamento Europeo di Milano. La Rete, attualmente formata da oltre 40 organizzazioni europee provenienti da 10 paesi. Lo scopo del progetto Salus è costruire un ponte fra le persone e le migliori conoscenze per favorire una longevità sana. Per maggiori informazioni si può consultare il sito www.salusnetwork.eu
Appuntamento per il prossimo convegno venerdì 3 luglio alle ore 17:00 con il tema “Diabete: prevenire e guarire è possibile?” nel quale interverranno il dr. Alberto Donzelli, la naturopata Milena Simeoni e il dr. Giuseppe Miserotti.

Ansia e depressione all’epoca del Coronavirus.

Circa 200 persone in diretta e più di un migliaio di visualizzazioni hanno seguito via streaming ieri, venerdì 8 Maggio, il convegno: “Ansia e depressione: epidemie silenziose che possiamo prevenire e trattare con lo stile di vita”.  

L’apertura dei lavori è stata introdotta da un video messaggio dell’on. Eleonora Evi, la deputata che per prima ha sostenuto la proposta Salus nel Parlamento Europeo e che riveste il ruolo di presidente dell’Interest group SALUS nato a dicembre 2019 a Strasburgo cui hanno aderito ad oggi sette eurodeputati di diverse nazioni e gruppi politici: Eleonora Evi (M5S), Patrizia Toia (PD), Rosa D’Amato (M5S), Mara Bizzotto (Lega), Carlo Fidanza (FdI), Sirpa Pietikainen (EPP) e Tilly Metz (Greens). 

“Quello trattato oggi” ha detto l’on. Evi, “è un tema molto attuale cui prestare particolare attenzione in questo periodo in cui le restrizioni dovute all’emergenza COVID hanno rivoluzionato in modo importante la nostra quotidianità. Il 63% degli Italiani, secondo il Consiglio Nazionale dell’Ordine degli Psicologi, soffre fra le altre cose di disturbi come insonnia, panico, ansia e depressione”. “Per questo mi fa molto piacere” ha proseguito “che l’incontro di oggi faccia luce con ottimi consigli e spunti su questa tematica ponendo l’accento su quanto lo stile di vita influisca sulla nostra psiche oltre che sul nostro fisico”. 

Un saluto e un ringraziamento, inoltre, è giunto dall’on. D’Amato: “un tema particolarmente attuale” ha detto “visto che in queste settimane la maggior parte degli Italiani ha dovuto fronteggiare uno stress psicologico fuori dal comune”. “Facciamo tesoro di questi convegni” ha proseguito “per informare sull’impatto reale che strategie come quella di SALUS hanno sulle nostre vite individuali e sulla società”. “I limiti nella capacità di fronteggiare le emergenze sanitarie messi in evidenza in questa emergenza ci spingono ad una maggiore visione di insieme e all’importanza dello stile di vita sano che previene l’emergere di patologie che ci espongono a gravi rischi come questi”. “Bisogna superare” ha concluso “il modello che vede nel trattamento farmacologico l’unico strumento disponibile”.

Relatori della conferenza in streaming: il dr. Lorenzo Del Moro, dottore in Medicina e Chirurgia, Coordinatore del Comitato Filosofico-Scientifico SALUS e membro del Comitato Scientifico della Fondazione Allineare Sanità e Salute, Milena Simeoni – naturopata, ideatrice del progetto SALUS e direttrice didattica della Scuola di Naturopatia LUMEN e il dr. Alberto Donzelli – medico esperto di sanità pubblica e membro del comitato scientifico della Fondazione Allineare Sanità e Salute

“Strategie come l’alimentazione, l’esercizio fisico, lo yoga e la mindfulness” ha detto il dr. Del Moro “sono basate su solide prove scientifiche, non hanno effetti avversi e sono più efficaci e più convenienti rispetto all’attuale modello terapeutico”. “La terapia farmacologica invece può avere effetti avversi. Il Prof. Peter C Gøtzsche (co-fondatore della Cochrane Collaboration e dell’Istituto Scientific Freedom) nel 2015 ha scritto sul British Medical Journal (online):”I farmaci psichiatrici sono responsabili ogni anno della morte di un gran numero di persone di età pari o superiore a 65 anni, nel mondo occidentale. I loro benefici dovrebbero essere colossali per giustificarlo, ma sono minimi”.”Allo stato delle conoscenze” ha concluso il dr. Del Moro “il principio di precauzione  rafforza la raccomandazione di riservare gli antidepressivi a forme gravi e medio-gravi di depressione maggiore, di facile diagnosi, sconsigliandoli in forme meno gravi e comunque accompagnandoli con modelli alimentari salutari e attività fisica da seguire come terapie di cui i medici verificano aderenza e persistenza”.

“Uno dei tratti fondamentali dell’approccio SALUS al problema è la proposta di un lavoro interdisciplinare” ha detto la naturopata Milena Simeoni “come ha sostenuto la rivista Nature, in un bell’articolo del 2015. Per risolvere le grandi sfide sociali che ci attendono, sia nell’ambito della salute umana sia nell’ambito del cambiamento climatico, le scienze e le scienze umane devono collaborare” ha proseguito.

“La riduzione dell’epidemia silenziosa ‘ansia e depressione’ è una di queste grandi sfide. Ad oggi, sono stati messi in campo medicinali e professionisti, strategie che non si sono rivelate sufficienti: purtroppo è un problema in continua crescita e, secondo l’OMS, è destinata a diventare la prima causa di spesa sanitaria entro il 2030”.  “Cosa manca quindi? Manca una concreta promozione della salute, manca empowerment e manca la capacità di essere resilienti. Su questi ambiti SALUS propone strategie efficaci e sostenibili, dal punto di vista umano, economico e ambientale”. Come in ogni evento SALUS, sia all’interno dell’europarlamento che in altri ambiti, Milena Simeoni termina il suo intervento con il motto di SALUS “Compone et Collabora” auspicando che questo possa sostituire il “Divide et Impera” particolarmente evidente in questo periodo di COVID 19. Queste le sue parole: “anziché litigare e cercare di imporre la propria ragione, scegliamo di porre al centro la vita e la salute, uniamo le forze e facciamo convergere le diverse competenze per il bene comune… questo è il grande cambio di paradigma proposto da SALUS”.

“Partendo dal fatto che negli ultimi anni si assiste ad una continua estensione delle diagnosi psichiatriche che coinvolgono aspetti della vita di tutti noi” ha detto il dott. Donzelli “è importante analizzare le strategie per affrontare a livello di comunità il problema della depressione e i fattori di rischio evitabili modificando lo stile di vita”.

“Numerosi studi e meta-analisi” ha proseguito “confermano quanto l’alimentazione e l’attività fisica siano tasselli fondamentali per prevenire e curare depressione e ansia sia nei giovani che negli anziani; per questi ultimi, ad esempio, sono sufficienti 10 minuti al giorno di attività fisica leggera”. “Anche l’obesità è un fattore di rischio notevole che aumenta l’insorgenza di depressione, studi molto interessanti confermano che l’adesione a modelli alimentari mediterranei è uno strumento preventivo e migliorativo di situazioni già in atto. Potremmo dire che per depressioni medio-lievi si potrebbero usare numerosi strumenti (fra cui anche lo yoga e la mindfulness) prima di ricorrere ai farmaci” ha concluso il dr. Donzelli.

Il convegno è stato il terzo di cinque appuntamenti di InfoSALUS: incontri informativi su salute, sostenibilità ambientale e sani stili di vita organizzato da LUMEN, associazione di promozione sociale di San Pietro in Cerro (PC) in qualità di ente capofila della Rete Europea SALUS, in collaborazione con l’Ufficio di Rappresentanza del Parlamento Europeo di Milano. La Rete, attualmente formata da 35 organizzazioni europee provenienti da 10 paesi. Lo scopo del progetto Salus è costruire un ponte fra le persone e le migliori conoscenze per favorire una longevità sana.
Appuntamento per il prossimo convegno venerdì 12 giugno alle ore 17:00 con il tema “Mal di testa: oltre la cura cosa puoi fare?” nel quale interverranno il dr. Alberto Donzelli, la naturopata Milena Simeoni e la dr.ssa Eugenia Rota, direttore della Struttura Complessa di Neurologia Novi Ligure/Tortona dell’ASL di Alessandria.

rosa d'amato salus

Rosa d’amato intervista il team di Salus

Orientare i sistemi sanitari europei alla salute anziché alla malattia. Garantire, nel medio lungo periodo maggiore longevità sana ai cittadini europei, maggiore sostenibilità economica ai sistemi sanitari e maggiore sostenibilità ambientale

Video interessante di Milena Simeoni e Lorenzo Del Moro che dialogano con l’eurodeputato Rosa D’Amato, sulle proposte che la rete europea SALUS sta portando a livello europeo e italiano, per suggerire una strada per uscire in modo lungimirante dall’emergenza COVID-19.Tra le altre cose, si parla della lettera inviata a Conte, di utilità delle mascherine, di stili di vita che riducono la fragilità, di progetti concreti che potrebbero essere attuati da domani per costruire più salute.Il video è ricco di riferimenti, dati e soprattutto informazioni scientifiche che, purtroppo, i media ufficiali non diffondono.

on. Rosa d’Amato, portavoce al Parlamento Europeo per il Movimento 5 Stelle, capogruppo nelle commissioni Sviluppo Regionale e Trasporti, membro nelle commissioni Pesca, per l’Occupazione e gli affari sociali, per l’Industria-ricerca- energia e per l’Agricoltura e lo sviluppo rurale (AGRI).

Interest Group SALUS

Incontro dell’Interest Group SALUS

Dopo l’invio della lettera al Governo italiano sulle  strategie integrative alla fase 2 dell’emergenza COVID-19 nel pomeriggio di martedì 28 aprile 2020, LUMEN, in qualità di ente capofila della Rete europea SALUS, ha riunito in una stanza virtuale il presidente dell’Interest Group Eleonora Evi insieme a 7 assistenti degli europarlamentari coinvolti. 

Partecipanti al meeting anche il Dott. Federico Palla, membro del comitato direttivo LUMEN, e alcuni esponenti del comitato filosofico-scientifico di SALUS: la nat. Milena Simeoni, ideatrice del progetto SALUS e direttrice didattica della scuola di Naturopatia LUMEN e il Dr. Lorenzo del Moro, coordinatore del comitato  e membro del comitato scientifico della Fondazione Allineare Sanità e Salute.  

Il gruppo si è riunito per decidere i prossimi passi dell’Interest Group, nato a dicembre 2019 presso il Parlamento Europeo di Strasburgo che vede ad oggi l’adesione di sette eurodeputati di diverse nazioni e gruppi politici: Eleonora Evi (NA), presidente, Patrizia Toia (S&D), Rosa D’Amato (NA), Mara Bizzotto (ID), Carlo Fidanza (ECR), Sirpa Pietikainen (EPP) e Tilly Metz (Greens). 

Il presidente dell’Interest Group onorevole Eleonora Evi ha aperto l’incontro ricordando le azioni messe in campo in questo periodo “la lettera aperta spedita questa mattina al governo italiano, è la più importante e prevediamo di spedirla ad altri governi europei nei prossimi giorni. Esprimo il mio totale appoggio, aggiungerò il mio nome alla lettera e spero che altri colleghi, italiani e europei, abbiano il tempo di valutarla e supportarla”.

Il dott. Palla ha dettagliato le caratteristiche del progetto LI.ST.EP, progetto pilota che vuole portare il cambiamento degli stili di vita fin dentro il palazzo del Parlamento Europeo. 

Il dr. Del Moro ha introdotto i lavori esponendo il perno centrale del ragionamento che sta alla base della lettera aperta: “come possiamo aiutare la popolazione a essere meno vulnerabile ai rischi connessi alle infezioni? Sappiamo che l’età media dei morti per COVID-19 è 80 anni con una media di 3,3 patologie croniche ciascuno. Si tratta, quindi, di soggetti fragili”. Il dr. Del Moro, poi, ha spiegato cosa si intende per ‘fragile’ in medicina, cioè: una condizione prevenibile e reversibile caratterizzata da una instabilità clinica e un’aumentata vulnerabilità agli agenti stressanti (le infezioni per esempio). Quindi possiamo aiutare la popolazione a essere meno vulnerabile ai rischi correlati alle infezioni riducendo l’incidenza e la gravità dello stato di fragilità delle persone.”

“Tenendo conto dell’impegnativa situazione del momento” interviene Milena Simeoni “abbiamo rivisto la priorità dei prossimi passi; prima dell’ICE sull’antibiotico resistenza, presenteremo come rete Europea SALUS,  un’istanza dei cittadini europei sulla riduzione della fragilità negli anziani attraverso strategie concrete di promozione della salute. Proposte che abbiamo suggerito al Governo di integrare nella  fase 2 di uscita dall’emergenza COVID-19”. Milena Simeoni  prosegue spiegando che “porre al centro le strategie concrete di  promozione della salute significa più empowerment, più resilienza, più capacità di far fronte  alle difficoltà, più attenzione alle soluzioni”.Il presidente dell’Interest Group Eleonora Evi ha così concluso:  “Il progetto LI.ST.EP, presso il Parlamento Europeo, apparentemente è complesso, in realtà rappresenta l’opportunità per mettere in campo idee nuove e soluzioni concrete in un contesto ideale per varietà di persone, livello di stress e stile di vita. L’Iniziativa dei Cittadini Europei che focalizza l’attenzione sulla ‘fragilità’ è a mio avviso è un’ottima idea sulla quale lavoreremo concretamente appena torniamo a Bruxelles”.

Antibioticoresistenza, quale collegamento con l’epidemia da Covid-19?

Circa trecento persone in diretta e un migliaio di visualizzazioni per lo streaming che si è svolto ieri giovedì 16 aprile dedicato a: “Antibioticoresistenza: che cosa fare per prevenirla? Può diventare un problema anche per pazienti affetti da Covid-19?”. L’antibioticoresistenza è un tema chiave da anni all’attenzione dell’OMS e dell’Unione Europea. L’inefficacia degli antibiotici causa più di 30.000 morti ogni anno in Europa, di cui un terzo solo in Italia. 

Relatori del convegno: il dr. Giuseppe Miserotti, segretario organizzativo di ISDE Italia (medici per l’ambiente), Milena Simeoni, ideatrice del progetto SALUS e direttrice didattica della Scuola di Naturopatia LUMEN e il dr. Alberto Donzelli, medico esperto di sanità pubblica e membro del comitato scientifico della Fondazione Allineare Sanità e Salute. 

Il convegno è stato il secondo di cinque appuntamenti di InfoSALUS: un ciclo di incontri informativi su salute, sostenibilità ambientale e sani stili di vita organizzato da LUMEN in collaborazione con l’Ufficio del Parlamento Europeo di Milano.

L’apertura dei lavori è stata introdotta da un video messaggio di Eleonora Evi, eurodeputata che per prima ha sostenuto la proposta SALUS al Parlamento Europeo. “Il ciclo di conferenze InfoSALUS” ha detto Eleonora Evi “ha l’obiettivo di promuovere sani stili di vita e ‘mettere la salute al centro’ di iniziative legislative e politiche all’interno del Parlamento Europeo”. Eleonora Evi ha sottolineato che l’attuale Piano di azione europea va integrato con proposte più concrete e innovative che si basino su un cambio di stili di vita. 

Il primo intervento del dr. Giuseppe Miserotti, dopo aver accennato alle origini dell’antibioticoresistenza, ha trattato un tema poco discusso: il legame di questo fenomeno con l’inquinamento ambientale e il ruolo predominante che giocano gli allevamenti intensivi nella diffusione della resistenza agli antibiotici. Ha inoltre sostenuto l’importanza di un approccio sistemico al rapporto tra uomo e batteri, evidenziando l’importante ruolo che hanno svolto nei millenni e che svolgono tutt’ora per garantire la vita sulla Terra. “É chiara” ha detto il dr. Miserotti “la nuova visione dei batteri come utili alleati dell’uomo e della sua salute”.

Qual è il legame che unisce l’antibioticoresistenza, di cui l’Italia ha un triste primato in Europa, è la mortalità causata dal Covid-19, che sta colpendo il nostro paese più di altri? A partire da questo quesito, la naturopata Milena Simeoni ha costruito un intervento centrato sulla fragilità degli anziani, che rappresenta un ponte tra questi due fenomeni. Anziani con comorbilità e polifarmaco terapie complesse, rappresentano la fascia più fragile della popolazione e quindi facilmente soggetta ad infezioni che, in un ‘terreno’ resistente agli antibiotici, hanno più probabilità di portare al decesso. Milena Simeoni ha poi ampiamente illustrato le strategie di uscita da questa condizione di fragilità: “empowerment, stili di vita e ambiente sano sono le parole chiave per ridurre la fragilità e garantire maggiore protezione nelle situazioni emergenziali come quella che stiamo vivendo”.

Gli italiani hanno consumato antibiotici più di ogni altro popolo in Europa secondo la ricerca di Eurobarometro 2018″ ha detto il dr. Alberto Donzelli, “quasi sempre prescritti dai medici. Rivediamo in base a prove scientifiche che cosa non ha funzionato nella formazione ai sanitari e nella comunicazione ai cittadini: in raffreddori, rinosinusiti, influenze, bronchiti, batteri nelle urine senza sintomi, profilassi odontoiatrica di regola gli antibiotici non servono e danno rischi presenti e futuri ai pazienti e ai loro cari. Va lasciata all’autonomia del medico decidere eventuali eccezioni alla regola”.

Gli inevitabili abusi di antibiotici negli allevamenti intensivi richiedono riduzione drastica dei consumi di carni, utile anche per ridurre le morti da malattie respiratorie e infettive e per la sostenibilità planetaria”.

Molte delle proposte emerse durante il convegno sono portate avanti dall’associazione di promozione sociale LUMEN di San Pietro in Cerro (PC) in qualità di ente capofila della Rete Europea SALUS che, ad oggi, conta 30 organizzazioni aderenti, provenienti da 10 paesi europei.

Una di queste iniziative, annunciata durante il convegno, è l’organizzazione di una vasta raccolta di firme (Iniziativa dei Cittadini Europei) per portare in Commissione Europea una proposta di modifica del Piano di azione di contrasto all’antibioticoresistenza.

Per promuovere un cambio di paradigma che tenga conto degli spunti innovativi elaborati dalla Rete SALUS, nel dicembre scorso è nato anche un Interest Group nel Parlamento Europeo che vede Eleonora Evi (NA) come presidente e, ad oggi, altri sei eurodeputati di diverse nazioni e gruppi politici: Patrizia Toia (S&D), Rosa D’Amato (NA), Mara Bizzotto (ID), Carlo Fidanza (ECR), Sirpa Pietikainen (EPP) e Tilly Metz (Greens)

L’appuntamento per il prossimo convegno è venerdì 8 maggio con il tema “Ansia e depressione: epidemie silenziose che possiamo prevenire e trattare con lo stile di vita” nel quale interverranno il dr. Alberto Donzelli, Milena Simeoni e il dr. Lorenzo Del Moro

Tutti i temi in programma prevedono argomenti di grande attualità. Dopo l’antibioticoresistenza sarà la volta di ansia e depressione, mal di testa e diabete. Il tutto finalizzato a stimolare nelle persone un cambio di stile di vita e nelle istituzioni un cambio di paradigma nelle politiche pubbliche di promozione della salute.