Problemi “di colesterolo”, impatto sulla salute e longevità sana

colesterolo

La diretta streaming su «Problemi “di colesterolo”. Impatto sulla salute e longevità sana» si è svolta venerdì 16 ottobre 2021 e resterà disponibile sulla pagina youtube LUMEN.

Ad aprire i lavori, un video messaggio dell’on. Eleonora Evi, l’eurodeputata che per prima ha sostenuto la proposta SALUS nel Parlamento Europeo e che riveste il ruolo di presidente dell’Interest Group SALUS nato a dicembre 2019 a Strasburgo. Al centro del suo intervento il ruolo dell’Unione Europea nell’introdurre leggi e regolamenti a tutela del consumatore europeo “L’informazione da sola non basta, ci siamo resi conto che le semplici etichettature sono risultate insufficienti: si stima infatti che solo un consumatore su tre possieda conoscenze in materia. Servono interventi politici coraggiosi e basati su informazioni scientifiche valide. Per esempio, a seguito di numerose ricerche scientifiche, fra cui una dell’autorità europea per la sicurezza alimentare, è stato ribadito che l’assunzione di grassi trans nella dieta dovrebbe essere ridotta al minimo per evitare rischi per la salute. E nell’aprile 2019, la Commissione Europea, su forte stimolo del Parlamento, ha ridotto a 2 grammi su 100 il limite massimo di grassi trans che possono essere presenti negli alimenti destinati al consumatore europeo. Tale limite sarà operativo in tutta l’Unione dal 2 aprile 2021.”

Le informazioni degli incontri InfoSALUS hanno una solida base scientifica e filosofica. A dar voce alle migliori conoscenze sul tema saranno la naturopata Milena Simeoni, ideatrice del progetto SALUS e direttrice didattica della Scuola di Naturopatia LUMEN e il dr. Alberto Donzelli, medico esperto di sanità pubblica e membro del comitato scientifico della Fondazione Allineare Sanità e Salute.

“Per anni abbiamo considerato il colesterolo LDL come cattivo e quello HDL come buono, stimolando le persone ad abbassare il cLDL, principalmente con farmaci, e ad alzare il cHDL” così ha esordito la naturopata Milena Simeoni, ideatrice di SALUS e direttrice didattica della Scuola di Naturopatia LUMEN. “Nell’opinione più diffusa” ha proseguito “ci sono dei parametri che vengono considerati ‘nella norma’; tali parametri, dal 2011 al 2019, sono stati abbassati: ma siamo certi che gli standard proposti siano sinonimo di salute?”. Oggi abbiamo a disposizione informazioni che permettono di superare la visione dicotomica che separa buono e cattivo, di focalizzarsi sul rapporto tra le parti e sull’equilibrio dell’insieme, in una visione più ampia della salute. La naturopata Simeoni ha portato l’esempio di alcuni studi che mettono in discussione l’assoluta necessità di abbassare i valori del cLDL. Uno studio olandese su alberi genealogici, per esempio, pubblicato sul British Medical Journal nel 2001, riporta che nel diciannovesimo secolo i soggetti con ipercolesterolemia familiare vivevano tendenzialmente più a lungo degli altri. “Ciò è dovuto al fatto che le LDL sono in grado di legarsi e inattivare batteri e virus” ha detto “quindi rappresentano un’importante linea di difesa primaria contro le infezioni”. Il convegno, come sempre, ha portato nuove conoscenze, ma anche stimoli pratici per il pubblico. Milena Simeoni ha concluso illustrando le tre macrostrategie SALUS applicate anche a una tematica come il colesterolo. “La prima, affiancare la promozione della salute alla cura, ci porta inevitabilmente a parlare di stile di vita e a comprendere che le nostre scelte quotidiane possono fare la differenza: alimentazione sana, movimento, meditazione, eubiosi intestinale, relazioni solidali e maggiore resilienza, sono gli ambiti di intervento in cui impegnarsi per ridurre i rischi di patologie cardiovascolare, migliorare la qualità della vita, costruire longevità sana, riducendo come conseguenza i costi sociali e i danni ambientali.”

A seguire, ha fatto il suo intervento il dott. Alberto Donzelli, esperto di salute pubblica e membro del comitato scientifico della Fondazione Allineare Sanità e Salute. “ Alcuni studi sull’efficacia dei farmaci per ridurre il colesterolo hanno mostrato in prevenzione primaria una riduzione di morti per malattie cardiovascolari, ma un aumento di morti per altre cause.” ha esordito il dott. Donzelli “Questi aspetti sono spesso messi in ombra, ma sono fondamentali, perché in genere alle persone non interessa evitare una morte per malattie cardiovascolari, se moriranno per altre cause senza che la durata di vita sia modificata. Gran parte di questi studi è condizionata all’industria farmaceutica, tant’è che persino Marcia Angell, a lungo direttrice del New England Journal of Medicine, una delle maggiori riviste scientifiche internazionali, ha dichiarato dopo aver lasciato l’incarico: «Semplicemente non è più possibile credere a gran parte della ricerca clinica pubblicata o fare affidamento sul giudizio di medici rispettati o su linee guida autorevoli»” “Purtroppo questi studi diventano il riferimento per le linee guida che stabiliscono i livelli di colesterolo di riferimento.” ha continuato il dott. Donzelli “Le linee guida in questi decenni hanno ridotto costantemente il livello ottimale di colesterolo raccomandato, proponendo di mantenere l’aderenza a rigide misure farmacologiche destinate a una popolazione sempre maggiore, senza promuovere, di fatto, quegli stili di vita che, fanno bene sia al colesterolo sia alla salute in generale.”

Ad aprire i lavori, un video messaggio dell’on. Eleonora Evi, l’eurodeputata che per prima ha sostenuto la proposta SALUS nel Parlamento Europeo e che riveste il ruolo di presidente dell’Interest Group SALUS nato a dicembre 2019 a Strasburgo. Il convegno è stato il secondo appuntamento del 2° ciclo di InfoSALUS: incontri informativi su salute, sostenibilità ambientale e sani stili di vita, iniziati a marzo 2020 e organizzati da LUMEN aps in qualità di ente capofila della Rete Europea SALUS, in collaborazione con l’Ufficio di Rappresentanza del Parlamento Europeo di Milano. La Rete attualmente è formata da 44 organizzazioni europee provenienti da 11 paesi. Lo scopo del progetto Salus è costruire un ponte fra le persone e le migliori conoscenze per favorire una longevità sana. Per maggiori informazioni si può consultare il sito www.salusnetwork.eu.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Condividi l'articolo

Share on facebook
Share on linkedin
Share on twitter
Share on email

Scopri di più

Collabora con SALUS

Sei un'organizzazione no profit, sei un'azienda, sei un cittadino o un rappresentante politico? Hai a cuore la promozione della salute e la sostenibilità ambientale? Collabora con SALUS! Ci sono molti modi per partecipare alle nostre iniziative e sostenere le attività di SALUS.