Cosa può fare ciascuno per essere pronto alla seconda ondata COVID-19?

La diretta streaming su “Che cosa può fare ciascuno per essere pronto a possibili ritorni della COVID- 19?” si è svolta venerdì 11 settembre ed è tuttora disponibile sulla pagina youtube LUMEN.

Ad aprire i lavori, un video messaggio dell’on. Eleonora Evi, l’eurodeputata che per prima ha sostenuto la proposta SALUS nel Parlamento Europeo e che riveste il ruolo di presidente dell’Interest Group SALUS nato a dicembre 2019 a Strasburgo e composto attualmente da sette eurodeputati di differenti gruppi politici e nazioni. Al centro del suo intervento il ruolo dell’Unione Europea nel coordinamento e nell’armonizzazione delle leggi nazionali in ambito di politica sanitaria e il programma europeo “EU4Health” che mette a disposizione 9,4 miliardi di euro. “Questo programma prevede anche due aree che interessano l’Interest Group SALUS: la promozione della salute per la popolazione anziana e l’uso prudente di antibiotici” ha detto. “La filosofia SALUS mette al centro l’idea che un intervento emergenziale debba sempre accompagnarsi a un intervento di promozione della salute e di prevenzione e che questi due mondi siano collaboranti e interdipendenti”. “Un sentito grazie a LUMEN” ha concluso “e alla rete europea SALUS che attraverso queste conferenze gratuite sostengono questa idea con concretezza e solide basi scientifiche e filosofiche”.

Siamo parte di una scienza straordinaria” ha esordito Milena Simeoni, ideatrice di SALUS e direttrice didattica della Scuola di Naturopatia LUMEN, citando Khun (fisico, storico e filosofo statunitense del ‘900). “Stiamo mettendo in discussione il paradigma dominante: con SALUS vogliamo preparare il futuro per l’avvento di una nuova stagione di collaborazione e unione tra scienza e filosofia, dove vengano messi al centro nei fatti e non a parole la salute dell’essere umano e la sostenibilità ambientale”.

“Ogni nuovo paradigma” ha proseguito Simeoni “si afferma se riesce a spiegare meglio la realtà, trovando soluzioni più semplici e migliori ai problemi. Il principio di Vis Medicatrix Naturae, che riprendiamo dall’antica tradizione Ippocratica, prevede di sostenere la forza vitale e ridurre o eliminare le abitudini che la possono compromettere. La semplicità sta anche nel fatto che cambiare gli stili di vita, migliora non solo la nostra salute, ma insieme anche la salute ambientale e il benessere degli animali che lo abitano. Per tale ragione, non basta concentrarsi su politiche e interventi specifici e specialistici, serve proporre politiche che promuovano sani stili di vita: è più efficace, più lungimirante e costa meno per la collettività.”

La naturopata Simeoni ha poi condiviso un punto di vista inedito sulla COVID-19 e sui virus in genere, suggerendo una visione d’insieme in cui l’essere umano convive con questi microorganismi in un equilibrio vantaggioso per tutti. “In pochi sanno che i virus hanno determinato, nei millenni, gran parte del nostro patrimonio genetico e si sono evoluti insieme a noi. La selezione naturale prevede infatti che i virus e i batteri che riescono a tramandare la propria stirpe siano quelli che non uccidono il proprio ospite, ma che generano un rapporto simbiotico con esso. Questo rapporto simbiotico dipende anche da noi, da quale terreno coltiviamo per la nostra salute, avendo cura di evitare di deprimere le nostre difese immunitarie con stili di vita poco salutari che ci portano più facilmente a soccombere di fronte ad un’infezione virale o batterica”.

Il secondo intervento è stato condotto dal dott. Alberto Donzelli, medico esperto di sanità pubblica e membro del comitato scientifico della Fondazione Allineare Sanità e Salute. “La comunicazione istituzionale si è concentrata sulla riduzione dell’esposizione al virus” ha detto Donzelli. “Alcune misure proposte sono efficaci, come il distanziamento fisico, altre, come il lavaggio frequente delle mani, sono efficaci ma proposte in modo irrealistico, con un numero di lavaggi che è difficile sostenere. Inoltre non mirano il lavaggio alle dita (la parte che può toccare le mucose di occhi, naso e bocca), non chiedono dispositivi di chiusura con leve (lunghe o corte) da chiudere dopo il lavaggio senza riprendersi i germi depositati sulle manopole.” 

Il dott. Donzelli ha poi affrontato un tema assai discusso, quello delle mascherine. “Le mascherine sono un compromesso da usare dove è necessario: al chiuso con più persone e poco ricambio d’aria, all’aperto solo se non si può mantenere la distanza per tempi consistenti; e cercando di non tenerle a lungo. Oltre agli 11 svantaggi indicati dall’OMS, va infatti ridotta la continua ri-inalazione dei germi espulsi nelle espirazioni, con rischio di aggravare condizioni presenti, e di spingere i germi in profondità nei polmoni. In base al principio di precauzione, per chi è tenuto a usare mascherine al lavoro andrebbero previste frequenti pause con respirazione libera all’aria aperta. Le finestre andrebbero aperte spesso e a lungo, per ridurre la concentrazione dei virus in ambienti chiusi.”

E non è mancato un accenno al tema dell’inquinamento, in rapporto alla diffusione della COVID-19. “Interventi specifici merita la Pianura Padana, dove si superano di molto i limiti medi di PM2,5 europei e dell’OMS. L’inquinamento atmosferico, che causa comunque danni documentati al sistema respiratorio e cardiovascolare, favorisce anche molte infezioni ed è risultato associato con un impressionante aumento di gravità della COVID-19, di cui può spiegare parte delle variazioni geografiche”.

Scienza moderna e medicina tradizionale sono formalmente concordi sull’importanza degli stili di vita. “Il potenziamento delle difese immunitarie per tutti, compresi anziani e fragili già affetti da malattie croniche” ha proseguito il dott. Donzelli “passa anzitutto dagli stili di vita: alimentazione sana, moderata attività fisica. Non occorrono comportamenti estremamente virtuosi: ad esempio, basta anche assumere 20-25 g al giorno di frutta secca oleosa o 90 g (o più) di cereali integrali per ridurre del 25-30% il rischio di morte, sia generale che da infezioni: nessun farmaco può fare lo stesso per un’intera popolazione!”.

Il convegno ha offerto decine di spunti pratici su comportamenti quotidiani, facili da adottare anche subito nella propria vita, compresa la possibilità di ridurre i rischi di più gravi infezioni evitando o riducendo alcuni farmaci, di intesa con il curante.

Il convegno è stato il primo appuntamento del secondo ciclo di InfoSALUS: incontri informativi su salute, sostenibilità ambientale e sani stili di vita iniziati a marzo 2020 e organizzati da LUMEN aps in qualità di ente capofila della Rete Europea SALUS, in collaborazione con l’Ufficio di Rappresentanza del Parlamento Europeo di Milano. La Rete attualmente è formata da 44 organizzazioni europee provenienti da 11 paesi. Lo scopo del progetto Salus è costruire un ponte fra le persone e le migliori conoscenze per favorire una longevità sana. Per maggiori informazioni si può consultare il sito www.salusnetwork.eu
L’appuntamento per il prossimo convegno è venerdì 16 ottobre 2020 “Problemi cardiovascolari e farmaci “contro” il colesterolo” alle 16.30 presso il Palazzo delle Stelline di Milano.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Condividi l'articolo

Share on facebook
Share on linkedin
Share on twitter
Share on email

Scopri di più

EVENTI

Mal di testa: oltre la cura

Venerdì 12 giugno si è svolto in streaming il convegno: “Mal di testa: oltre la cura cosa puoi fare?”, tuttora

Collabora con SALUS

Sei un'organizzazione no profit, sei un'azienda, sei un cittadino o un rappresentante politico? Hai a cuore la promozione della salute e la sostenibilità ambientale? Collabora con SALUS! Ci sono molti modi per partecipare alle nostre iniziative e sostenere le attività di SALUS.